Come fare per?

Passare ad AciEnergia?

Vai nell’apposita sezione dello Sportello Digitale o alla pagina Documenti, qui troverai tutte le informazioni utili per avviare la procedura. Scarica il modulo per il Cambio fornitore, compilalo con i dati richiesti e consegnalo, insieme ai documenti indicati, secondo le modalità descritte.

Il passaggio ad AciEnergia è gratuito e non comporta interruzioni di fornitura del gas. Per completare la pratica sono necessari da 1 a 2 mesi, al fine di rispettare i tempi tecnici di cessazione del contratto con il vecchio fornitore.

Cambiare intestatario a un contattore attivo?

Vai nella sezione apposita della sezione Sportello Digitale o alla pagina Documenti, troverai tutte le informazioni utili che riguardano la Voltura. Scarica l’apposito modulo, compilalo con i dati richiesti e consegnalo, insieme ai documenti indicati, secondo le modalità descritte.

Riattivare un contatore staccato con un nuovo intestatario?

Vai nella sezione apposita della sezione Sportello Digitale o vai alla pagina Documenti, troverai tutte le informazioni utili che riguardano il Subentro. Scarica l’apposito modulo, compilalo con i dati richiesti e consegnalo, insieme ai documenti indicati, secondo le modalità descritte.

Attivare un nuovo contatore del gas / un nuovo contratto di fornitura?

Vai nella sezione apposita della sezione Sportello Digitale o alla pagina Documenti, troverai tutte le informazioni utili a riguardo. Scarica il modulo per Nuova fornitura, compilalo con i dati richiesti e consegnalo, insieme ai documenti indicati, secondo le modalità descritte. Il tempo di attivazione è di circa 15 giorni lavorativi se la documentazione consegnata è completa.

Importante: se non hai un impianto di utenza collegato alla rete di distribuzione occorrerà avviare anche la procedura di allacciamento, cioè collegare fisicamente l’impianto di casa alla rete gas del distributore.

Pagare la bolletta?

Ecco le possibili modalità:

  • versamento sul conto corrente postale n. 56755309 intestato ad AciEnergia srl;
  • bonifico bancario > IBAN IT 50 K 06230 26200 000015275926;
  • domiciliazione bancaria da richiedere al proprio istituto di credito.

Rateizzare la bolletta

Vai nella sezione apposita della sezione Sportello Virtuale

Comprendere meglio le sigle e i numeri della bolletta?

AciEnergia ti mette a disposizione una guida alla lettura della bolletta redatta dall’Arera e il glossario delle sigle e dei nomi tecnici per comprendere facilmente tutte le voci presenti.

Comunicare l’autolettura? E quando?

Primo passo: annotare le cifre da comunicare ad AciEnergia

  • o se possiedi un contatore analogico di vecchia generazione i numeri da segnalare sono quelli a sinistra della virgola, cioè quelli su fondo nero (attenzione: i numeri sui rulli a sfondo rosso non vanno segnalati).
  • o se possiedi un contatore digitale di nuova generazione devi pigiare il pulsante fino a quando sul display compare la schermata dei consumi. Annota solo i numeri presenti a sinistra della virgola.

 

Secondo passo: comunicare le cifre ad AciEnergia

I consumi vanno comunicati dal giorno 8 al giorno 20 di ogni mese, ed esclusivamente nella fascia oraria dalle 6.00 alle 23.00.

Esporre un reclamo?

Ecco le possibili modalità:

Scrivi a info@acienergia.it
Invia un fax al numero 095 768 5912
Vieni allo sportello, dal lunedì al venerdì ore 9.00/12.00. La sede di AciEnergia è ad Acireale in Via del Popolo 43.

Nel tuo messaggio specifica l’intestatario dell’utenza e l’indirizzo di fornitura.

Segnalare un guasto o un'emergenza?

In caso di irregolarità, fughe o interruzioni di gas chiama il numero verde gratuito e attivo h24 800.801.103

Cambiare l’offerta sottoscritta?

Ecco le possibili modalità:

Invia la tua richiesta compilando il modulo nella pagina Contatti
Telefona al numero 095 768 5911
Scrivi a info@acienergia.it
Vieni allo sportello, dal lunedì al venerdì ore 9.00/13.00. La sede di AciEnergia è ad Acireale in Via del Popolo 43.

Chiudere un contratto di fornitura?

Vai alla pagina Documenti, troverai tutte le informazioni utili a riguardo. Scarica il modulo per Cessazione fornitura, compilalo con i dati richiesti e consegnalo, insieme ai documenti indicati, secondo le modalità descritte.

La differenza tra

Allacciamento e nuova attivazione

Si parla di Allacciamento quando l’abitazione viene collegata alla rete di distribuzione del gas. Prevede l’installazione del contatore, identificato da un codice PDR univoco e invariabile.

La Nuova attivazione avviene invece quando, dopo aver installato il contatore, l’utente firma un contratto di fornitura affinché AciEnergia eroghi il gas nell’impianto dell’abitazione o dell’ufficio.

Voltura e subentro

Si parla di Voltura quando l’utente ha necessità di cambiare l’intestatario della bolletta, e dunque il contatore del gas è funzionante.

Il Subentro invece è necessario quando l’utente deve riattivare un contatore staccato e un contratto disdetto. Ad esempio, chi subentra in una nuova abitazione dotata di contatore, ma questo è disattivato e la fornitura è interrotta, deve fare il subentro all’utenza dell’inquilino precedente.

Autolettura e Lettura stimata ( o tra consumi reali e presunti)

L’autolettura viene effettuata direttamente dall’utente e registra i consumi reali.

La lettura stimata invece registra i consumi presunti che si suppone siano avvenuti, e viene effettuata dal fornitore in mancanza di un’autolettura o della lettura da parte di un tecnico.

L’autolettura conviene perché consente di conteggiare in bolletta i consumi effettivi e non stime imprecise.

Fornitore e distributore

AciEnergia è una società di fornitura, cioè acquista il gas metano all’ingrosso e lo fornisce al dettaglio all’utente finale, gestendo gli aspetti commerciali e amministrativi della fornitura (ad esempio, la bolletta). Il fornitore viene scelto liberamente dagli utenti a seconda delle proprie esigenze e preferenze.

La società di distribuzione invece si occupa di gestire la rete fisica di tubi e impianti con cui viene distribuito il gas (ad esempio, allacciamenti, installazione e manutenzione dei contatori, riparazione guasti, ecc.). Non può essere scelta dagli utenti ma viene incaricata tramite gare d’appalto sul territorio.

Mercato libero e mercato tutelato

Nel mercato libero del gas gli utenti possono scegliere autonomamente il proprio fornitore concordando direttamente con esso le condizioni economiche e contrattuali.

Nel mercato tutelato invece le condizioni di fornitura sono stabilite dall’Autorità.

A partire dal 1° gennaio 2023 la liberalizzazione sostituirà gradualmente e interamente il servizio di tutela, come deciso dalla stessa ARERA.

Quali sono....

AciEnergia opera da quasi vent’anni nel territorio di Acireale, fornendo gas anche ai comuni limitrofi. Il suo servizio è adesso esteso all’intera provincia di Catania.

La bolletta digitale arriva sempre puntuale e in modo sicuro alla casella e-mail indicata dall’utente, consentendo di risparmiare carta stampata e dunque di proteggere l’ambiente. È facile da conservare nel computer o nello smartphone, e consente di azzerare i costi di spedizione.

Grazie all’addebito sul conto corrente il pagamento della bolletta è sempre puntuale e sicuro, evitando così di ricorrere le scadenze o versare interessi di mora per ritardo. Consente di risparmiare la somma del deposito cauzionale, i costi di commissione e i tempi d’attesa per il pagamento del bollettino.

Dipende sempre dal singolo caso. La media è di circa 1 mese lavorativo.

Il nuovo intestatario non corre alcun rischio, perché in nessun caso è tenuto a pagare importi per un precedente contratto di fornitura.

Aderire al mercato libero del gas significa poter scegliere autonomamente il venditore e il tipo di offerta più adatti alle proprie esigenze. L’utente può decidere di recedere dal proprio contratto di fornitura in favore di un’altra offerta di mercato libero, senza ulteriori costi e senza interruzione della fornitura.

L’Autorità (ARERA) continuerà comunque a regolare e controllare il settore, tutelando gli interessi dei consumatori. Essa opera al fine di:

promuovere la concorrenza, l’efficienza e la diffusione sul territorio nazionale dei servizi dipubblica utilità con adeguati livelli di qualità, in condizioni di economicità e redditività;
definire e aggiornare un sistema tariffario certo, trasparente e basato su criteri predefiniti;
mantenere l’equilibrio fra gli obiettivi economico-finanziari degli esercenti e gli obiettivi generali di carattere sociale, come la tutela ambientale e l’uso efficiente delle risorse.

Buone Pratiche

Apri immediatamente porte e finestre per areare l’ambiente e creare correnti d’aria. Chiudi subito il rubinetto del contatore del gas se è a portata di mano e disattiva il contatore elettrico se è esterno all’ambiente. Spegni fiamme eventualmente accese. Non toccare interruttori della luce e non usare apparecchi elettrici. Proteggi naso e bocca con un panno o un indumento. Esci di casa al più presto e chiama il pronto intervento ma soltanto da un telefono esterno dall’abitazione.

Per una corretta prevenzione è necessario effettuare manutenzione costante dell’impianto del gas. Inoltre, in commercio sono disponibili appositi rilevatori di gas, utili a individuare perdite dal contatore o da altri punti dell’impianto.

Aumentare l’efficienza energetica e impegnarsi a eliminare gli sprechi sono le azioni principali per poter ridurre gli importi della bolletta.

Dal punto di vista dell’efficienza energetica scegli di:

migliorare l’isolamento termico della tua abitazione, perché una buona coibentazione riduce la dispersione di calore fino al 50% e richiede una caldaia meno potente e quindi meno dispendiosa;
utilizzare serramenti a taglio termico e doppi vetri per evitare spifferi e sbalzi termici;
effettuare con costanza la manutenzione degli impianti, perché si consuma e si inquina meno quando la regolazione è corretta, i filtri puliti sono puliti e senza incrostazioni di calcare;
rivolgerti a un tecnico specializzato per sapere gli interventi più convenienti per contenere consumi e costi;
usare le valvole termostatiche per regolare la temperatura e il flusso d’acqua calda nei termosifoni;
sostituire la vecchia caldaia con una a condensazione.

Queste invece le buone prassi per eliminare sprechi di gas nell’impianti di riscaldamento:

regolare la temperatura in casa con responsabilità. Temperature troppo alte durante la stagione fredda sono uno spreco, oltre al fatto che è l’aria calda e secca può nuocere alla salute. È consigliabile una temperatura che non superi i 20 gradi di giorno e i 18 gradi di notte;
non tenere il riscaldamento acceso giorno e notte ma utilizza un impianto che garantisca comfort anche durante lo spegnimento;
evitare di coprire i termosifoni con oggetti o biancheria per non ostacolare la diffusione del calore.

Consulta anche il decalogo dell’Enea per risparmiare.

A questo proposito ti consigliamo di leggere attentamente la Guida “Sicuro Gas” dei Vigili del Fuoco

Se hai bisogno di altri chiarimenti inviaci un messaggio